Con la legge di bilancio 2021 il governo Draghi ha confermato il bonus condizionatori. Sarà possibile richiedere il bonus condizionatore fino al 31 Dicembre 2021, anche senza ristrutturazione.


COS’E’ IL BONUS CONDIZIONATORE

Il bonus condizionatore fa parte dei bonus casa ed è uno sconto che varia in base al modello del condizionatore o se rientra nel piano di ristrutturazione o no. Lo sconto è:

  • del 50% per le pompe di calore se di classe energetica A+ e se acquistate per ristrutturazioni.
  • fino a un massimo del 65%  se si acquista una pompa di ad alta efficienza per sostituire un’altra di classe inferiore; se la si acquista senza ristrutturazione, c’è l’obbligo di sostituzione del vecchio apparecchio e del miglioramento della classe.

L’importo massimo della spesa detraibile è di 46.154 euro, non verrà corrisposto in un’unica rata, ma suddiviso in dieci rate con cadenza annuale, per un totale di dieci anni.

L’IVA sarà del 10% e non del 22%, non viene applicata sul costo totale ma sulla differenza tra il valore totale del servizio e il costo dell’impianto.


CHI PUO’ RICHIEDERE IL BONUS CONDIZIONATORE

Il bonus condizionatore può essere richiesto, senza limiti di ISEE, da:

  • tutti i condomini;
  • le persone fisiche;
  • le società di persone e di capitali;
  • le associazioni di professionisti;
  • gli istituti autonomi per le case popolari;
  • gli enti, sia pubblici che privati, che non hanno lo scopo di svolgere attività commerciali;
  • gli esercenti di arti e di professioni;
  • le cooperative di abitazione a proprietà indivisa.
  • il familiare convivente del proprietario dell’immobile
  • chi ha l’usufrutto o il comodato d’uso dell’immobile
  • il locatore in possesso di un regolare contratto di affitto
  • il proprietario dell’immobile

SENZA RISTRUTTURAZIONE

Per usufruire del bonus condizionatore, senza ristrutturazione, bisogna necessariamente migliorare la classe energetica. Il metodo di pagamento può avvenire:

  • tramite un pagamento a rate che arriva tramite finanziamento;
  • con bonifico bancario ordinario o postale

Nel caso di pagamento tramite bonifico bancario sarà necessario inserire:

  • il codice fiscale o la partita IVA di chi effettua l’acquisto;
  • il numero della fattura dell’acquisto;
  • il riferimento alla legge del bonus condizionatore 2021.

Il pagamento non può essere effettuato con carta di credito e bancomat, assegni e contanti.


CON RISTRUTTURAZIONE

Nel caso di ristrutturazione il limite di importo rimborsabile tramite detrazione ha un massimo di 96.000 euro. La detrazione è:

  • 50% della spesa, sull’acquisto di un condizionatore in fase di ristrutturazione ordinaria;
  • 50% della spesa, sull’acquisto di un climatizzatore almeno di classe energetica A+, in fase di ristrutturazione straordinaria;
  • 65% della spesa, sull’acquisto di un condizionatore in pompa di calore che ne sostituisca un altro con una classe energetica più bassa.

COME RICHIEDERLO

Per richiedere il bonus basterà inserire l’acquisto effettuato nella propria dichiarazione dei redditi, attraverso il modello 730 o Dichiarazione Sostitutiva Unica.

IMPORTANTE: è obbligatoria la comunicazione all’Enea, bisognerà comunicare i dati delle spese sostenute, i dati riguardanti la classe energetica e la potenza elettrica. La comunicazione dovrà esser effettuata in via telematica utilizzando il modulo sul sito ufficiale ENEA, tutto ciò entro 90 giorni dalla fine dei lavori.

Di Iaconeta V.

Laureanda in scienze investigative, dipartimento di giurisprudenza, presso l'Università degli studi di Foggia. Interessandomi all'attualità ed alle politiche sociali ed assistenziali, sono approdata a scrivere per l'associazione AmiraMondo, condividendone gli interessi e l'impegno altruistico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.