Con la crisi economica causata dal Covid-19, le Regioni italiane hanno iniziato a dare degli aiuti a sostegno dei cittadini. Uno di questi aiuti è l’esenzione della tassa automobilistica.


CHE COS’E’ IL BOLLO AUTO

Il bollo auto (o tassa automobilistica) è il pagamento che i cittadini possessori di un autoveicolo o un motoveicolo devono pagare alla propria Regione di residenza.


COME E QUANDO PAGARE IL BOLLO AUTO

Per sapere la scadenza del bollo auto bisogna prima di tutto controllare la data di immatricolazione e il tipo di veicolo (potete trovare queste informazione nel foglio di immatricolazione del vostro veicolo).

Il bollo auto si paga una volta all’anno, entro l’ultimo giorno del mese successivo alla scadenza. E’ importante rispettare il pagamento del bollo auto perché il suo ritardo porta a sanzioni, multe e perfino ritiro del veicolo.

Il pagamento del bollo auto può esser fatto:


REGIONI

Alcune regioni hanno deciso di prolungare il tempo disponibile per pagare il bollo auto, tra queste regioni abbiamo:

  • CAMPANIA, sospesa la scadenza del bollo auto che scade tra il 19 gennaio e 30 aprile 2021. La scadenza è stata spostata al 31 maggio 2021, non sono previste sanzioni.
  • EMILIA ROMAGNA, sospeso il pagamento del bollo auto che scade tra il 1° aprile al 31 maggio 2021. La sospensione è fino al 31 luglio 2021, non sono previste sanzioni.
  • VENETO, il pagamento del bollo auto che scade tra il 1° gennaio al 30 maggio 2021 è stato spostato 30 giugno 2021, non sono previste sanzioni.

Altre regioni hanno deciso di escludere il pagamento del bollo auto per alcuni soggetti, tra queste regioni abbiamo:

  • LOMBARDIA, le imprese che esercitano attività di trasporto di persone utilizzando autobus con conducente o taxi e servizio di noleggio con conducente, non sono dovuti a pagare il bollo auto.
  • MARCHE, i proprietari di nuovi veicoli ibridi (benzina-elettrica o gasolio-elettrica), con alimentazione termica, o benzina-idrogeno immatricolati per la prima volta nel corso dell’anno sono esclusi dal pagamento del bollo auto per il primo periodo fisso e per i 5 anni successivi.
  • PIEMONTE, gli autoveicoli privati di potenza non superiore a 100kW di categoria euro 6 e superiori, immatricolate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020 e acquistate per sostituire gli autoveicoli di categoria euro 0, euro 1 ed euro 2 avviate alla rottamazione hanno l’esenzione per tre anni (2020-2022).
  • SICILIA, i soggetti interessati dovranno fare richiesta alla Regione Sicilia, fino a esaurimento dei fondi. Potranno fare la richiesta i cittadini siciliani con il reddito annuo non superiore a 15mila euro in possesso di un auto immatricolata da più di 10 anni o con una potenza massima di 53kW.

IMPORTANTE: il condono previsto dal Decreto Sostegni permette di rottamare le cartelle esattoriali inferiori ai 5mila euro. Può esser effettuato da persone e imprese con un reddito lordo annuo entro i 30mila euro, possono riguardare anche i bolli non pagati tra il 2000 e 2010.

Di Iaconeta V.

Laureanda in scienze investigative, dipartimento di giurisprudenza, presso l'Università degli studi di Foggia. Interessandomi all'attualità ed alle politiche sociali ed assistenziali, sono approdata a scrivere per l'associazione AmiraMondo, condividendone gli interessi e l'impegno altruistico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.